Praetoriani-Ravenna 12-26

Ennesima giornata amara per il quindici di mister Petrella che però ha messo in mostra un buon gioco e lascia ben sperare per il proseguo del campionato.

Domenica sul campo di Casenuove di Osimo, casa acquisita del rugby recanatese, sono di scena i giovani praetoriani contro l’under 20 di Ravenna che parte subito forte e dopo 5 minuti va in meta trasformandola.

I recanatesi un po’ intontiti dalla segnatura così veloce ci mettono un po’ per capire come devono imporre il gioco e difatti dopo 11 minuti i ravennati varcano di nuovo la linea di meta dei padroni di casa ma questa volta non trasformano.

I praetoriani a questo punto non ci stanno e incominciano a muovere più palloni sulla linea arretrata dei ¾ e al 21° minuto di gioco vanno in meta con una bella giocata prodotta dal centro Bordicchia, che con un calcetto a scavalcare mette in movimento l’ala Ingargiola che schiaccia l’ovale, Marcelli non trasforma il calcio.

Dopo 5 minuti il flanker Travaglini si vede sventolare sulla faccia un cartellino giallo in seguito a una doppia entrata fallosa in un raggruppamento di gioco.

Gli ospiti approfittano dell’inferiorità numerica e segnano subito una meta e la trasformano.

I recanatesi reagiscono e, nonostante in 14, dopo aver chiuso nella loro metà campo gli avversari conquistano l’ovale da una mischia chiusa e palla alla mano il centro Bordicchia sfonda e schiaccia la palla in meta, questa volta Marcelli non sbaglia trasformando con un drop, calcio di rimbalzo, senza usare la piazzola.

Il primo tempo si chiude sul 12 a 19 in favore degli ospiti ma con i Praetoriani sicuri di poter agguantare il risultato e ribaltarlo.

Il Ravenna ovviamente non sta a guardare e come riprende la partita segna una meta e la trasforma dopo soli 4 minuti di gioco.

Da questo istante in poi i colori che si vedono in campo sono solo il nero, il giallo e il rosso dei ragazzi recanatesi che chiudono i ravennati nei loro 22 metri e li tengono lì per tutto il secondo tempo.

Onore alla squadra avversaria che contiene le ripetute incursioni dei Praetoriani;una di queste porta i recanatesi in meta col capitano Lucamarini ma l’arbitro non la concede perché da lui non vista non essendo arrivato in tempo sul luogo dell’azione di gioco. Quest’ultimo fischia anche la fine partita con qualche minuto d’anticipo, ma si sa: nel rugby l’arbitro non si discute.

Questa la formazione che è scesa in campo: Bocci, Marcelli, Bordicchia, Coppetta, Ingargiola (Grassi), Nardi Dei, Guzzini, Calcinaro, Lucamarini(cap), Travaglini, Castagnari, El Aouni, Bellucci, Marzioli, Gigli(Minciotti). All.Petrella

MAN OF THE MATCH: Alessandro Bordicchia.