PRAETORIANI AL GIRO DI BOA

Stagione sportiva al giro di boa per i ragazzi della Praetoriani Rugby Recanati.

La squadra seniores partita alla grande con tre vittorie consecutive, ha dovuto cedere il passo a Fermo, Legio, San Benedetto e Macerata, queste ultime due partite giocate sicuramente bene e con squadre che erano alla pari.

Metà classifica per i ragazzi di mister Petrella che puntano anche quest’anno a chiudere il campionato nei vertici alti della classifica (non dimentichiamo il quarto posto dell’anno scorso).

Nuova linfa a questa squadra che ha dovuto ripartire con quasi un terzo dei giocatori alla loro prima esperienza con la palla ovale, ma come ci insegna questo sport, alle difficoltà c’è sempre un rimedio, quindi si tiene duro e non si molla mai.

Per quanto riguarda l’under 16, continua il sodalizio con la società di Macerata, e la squadra è un ensemble di ragazzi recanatesi, montefanesi, maceratesi e dintorni.

I ragazzi allenati da Gianfranco Ingargiola, presidente dei Praetoriani, si sta finalmente togliendo qualche soddisfazione e continua a macinare vittorie su vittorie.

Metà classifica anche per i giovani praetoriani che non nascondono la voglia di proseguire su questa linea per chiudere il campionato alla grande.

La società continua a battere affinchè si riesca a sbloccare la situazione campo, è importante per una società riuscire ad avere una casa propria, dove poter allenare i ragazzi e crescere anche con le giovanili, che potrebbero essere il fiore all’occhiello di questa società, non dimentichiamo che il recanatese Gianluigi Silvestri, ora in forza alla società di Pesaro, è entrato nel giro della nazionale italiana e attualmente frequenta l’accademia federale a Parma.

E’ grazie ai Praetoriani che Gianluigi ha conosciuto il rugby e anche se con sommo dispiacere ha preferito migrare in quel di Pesaro, siamo convinti che il ragazzo potrà fare strada.

Sicuri che l’amministrazione, come ha già dimostrato, tenga conto dell’esigenza della società e continui il lavoro già avviato per preparare un futuro rugbistico ai giovani recanatesi.

One comment

Join the Conversation